Descent, l’opera dell’artista Bruce Mackley che crea un mosaico di immagini da toccare usando 20.000 viti

In parte pittura e in parte scultura. Questo è Descent, l’incredibile opera dell’artista Bruce Mackley: un mosaico industriale di oltre 20.000 viti dipinte incastonate in lastre di pino a varie profondità.

“Questo mezzo può essere noioso e stimolante”, dice Mackley, “ma offre un fantastico livello di fare e disfare”. Dice di aver speso centinaia di ore lavorando scrupolosamente sull’opera, aggiustando e adattando le viti. Arte 3D e pazienza.

Con un peso di 160 kg e un’altezza di un metro e ottanta, il mosaico è una sfida da trasportare. Mackley è stato costretto a fabbricare un carrello speciale speciale solo per spostarla. Questo è il secondo pezzo di questo genere che ha creato, il primo è stato inserito in una fiera d’arte del Midwest l’anno scorso.

La mia parte preferita dell’intera faccenda erano alcune delle coppie in cui il ragazzo era evidentemente annoiato, probabilmente desiderando di essere fuori a giocare a golf. Andavano su, scoprivano come era stata fatta l’opera e bang… potevano identificarsi con l’arte. Ha davvero colpito alcuni ragazzi. Super cool.

Le opere di Bruce hanno anche un riscontro positivo in tutte le persone con disabilità visiva, che toccando le sue opere riescono a provare emozioni mai provate prima.

Descent è uno studio di equilibrio, caos e armonia, la sua esecuzione curvilinea, i toni vivaci e la composizione lineare si fondono in un’estetica affascinante. Scegliere un mezzo così improbabile non è privo di conseguenze e l’effetto finale può essere inaspettato e alquanto travolgente. Nonostante i limiti dei dettagli, questo mezzo fa affidamento su sfumature e toni per riuscire davvero.

Info: Bruce Mackley  | Facebook

Comments

comments

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*