Le tende oscuranti che ti faranno sentire come se stessi vivendo in un attico sopra una grande città

Il mondo sta cambiando, e questo cambiamento si percepisce anche attraverso piccole cose come le tende: può sembrare strano, ma è propio così. Se prima le tende erano viste come un ornamento che ricordavano il passato, adesso sono tornate in grande stile, con un tocco moderno quasi ad equipararle a piccole opere d’arte per la vostra casa.

Dobbiamo ringraziare HoleRoll per questo nuovo modo di concepire tende e tendaggi:

HoleRoll è un marchio che si occupa di tendaggi, che diventerà un vero must di ogni interno. Una volta installato HoleRoll la stanza diventerà coinvolta in una piacevole penombra, e fuori dalla finestra apparirà una bella vista di una città notturna o di un cielo stellato, illusione creata da buchi nel tessuto. Oltre alle vedute della città, le tende proiettano un’ombra meravigliosa sulla stanza e sugli oggetti in essa contenuti. Le immagini utilizzate in HoleRoll hanno un alto livello di precisione e corrispondono a paesaggi esistenti.

Nel 1939, la Gran Bretagna impose un blackout obbligatorio a causa della minaccia degli attacchi aerei nemici. I residenti furono costretti ad appendere spesse tende di cotone nero sulle loro finestre durante la notte in modo che nemmeno un luccichio di luce potesse sfuggire. Sebbene questi fossero tempi frustranti, i proprietari di case apprezzarono le tende oscuranti per la privacy e la pace fornite, e decisero di tenerli anche dopo la fine della guerra. Le nuove tende oscuranti HoleRoll oltre a fornire un alto tasso di privacy sono caratterizzate da eleganti design che possono trasformare qualsiasi finestra in un’affascinante skyline della città di New York o di Londra, pur lasciando una luce minima nella vostra casa.

Info: HoleRoll

Image credits: HoleRoll

Image credits: HoleRoll

Image credits: HoleRoll

Image credits: Swan

Image credits: HoleRoll

Image credits: Elina Aalto

Image credits: HoleRoll

Image credits: Elina Aalto

Image credits: Elina Aalto

Image credits: Elina Aalto

Image credits: Elina Aalto

Image credits: HoleRoll

Comments

comments

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*